DI DANZA IN DANZA

ARMONIENSEMBLE PIANO TRIO

PALMA DI GAETANO, flauto

GIORDANO MUOLO, clarinetto

DANILO PANICO, pianoforte

Musiche di Gottschalk, Brahms, Cui, Ghidoni, Bizet, Chačaturjan

 

Un concerto “danzante”, come il carattere dei brani che lo attraversano, dai Souvenir di Louis Moreau Gottschalk, l’americano di New Orleans che già nell’Ottocento ispirò il piano jazz, alle Danze ungheresi di Johannes Brahms, il compositore che portò nella musica colta una delle più importanti tradizioni popolari europee. La proposta è firmata dall’ArmoniEnsemle Piano Trio, formazione pugliese dalla particolare combinazione timbrica derivante dall’unione del flauto (Palma di Gaetano), del clarinetto (Giordano Muolo) e del pianoforte (Danilo Panico). L’ensemble, nato cinque anni fa, ricerca trascrizioni di opere del passato o brani originali di autori viventi, ma ne realizza anche di proprie. Come in questo programma di rielaborazioni di pagine dai ritmi arditi, nel quale le musiche di Gottschalk (Souvenir de la Havane e Souvenir de Cuba) e Brahms (Danze ungheresi n. 6, 5 e 21) vengono confrontate con la Tarantella op. 12 di César Cui, il russo che fece parte del Gruppo dei Cinque, l’incontro tra barocco e tradizione afro-americana in Classical Fugue Goes Jazz  di Armando Ghidoni, una rapsodia basata sui celebri demi della Carmen di Bizet e l’altrettanto nota Danza delle spade dell’armeno Aram Il’ič Chačaturjan.

PIU’ INFO