AgìmusFestival_2021

direzione artistica Piero Rotolo

Mola di Bari
Chiostro Santa Chiara

Tra gli ospiti, Morgan, Petra Magoni con Andrea Dindo, le voci del Teatro alla Scala di Milano, Dario Vergassola e David Riondino, i Filarmonici dell’Opera Italiana, Roma Tre Orchestra, Banda Osiris, Alessandro Quarta.

Ritornare alla musica, al suo potere terapeutico. Per ritrovare il senso delle cose di fronte all’imprevisto smarrimento collettivo che sta segnando le nostre vite in maniera indelebile. Un ritorno atteso, al quale non arriviamo impreparati, pur sapendo di dover continuare per chissà quanto a fare i conti con l’incertezza. In tutti questi mesi abbiamo concentrato le nostre energie in previsione di questo momento, che ci auguriamo possa rappresentare finalmente lo spartiacque nella corsa alla riconquista di una normalità che dovrà inevitabilmente fare i conti con la confusione dalla quale siamo stati inaspettatamente travolti dall’inizio della pandemia. È il momento di farsi contagiare da una nuova energia, la stessa che abbiamo profuso nel disegnare questo Cartellone, così ricco di proposte per essere all’altezza delle aspettative del nostro pubblico, sempre più esigente. Al tempo stesso questo fitto calendario di appuntamenti rappresenta, nel suo piccolo, un concreto atto di fiducia per una subitanea ripresa di un comparto duramente colpito dall’emergenza sanitaria. Spiccano gli appuntamenti speciali con Morgan, atteso in un viaggio per voce sola e pianoforte attraverso la storia del pop e della canzone d’autore, il recital di Italian Harmonists (voci e pianoforte del Teatro alla Scala), l’omaggio a Kurt Weill e Cole Porter della cantante Petra Magoni e il pirotecnico spettacolo della Banda Osiris, in arrivo con lo show celebrativo dei quarant’anni di carriera. E poi, l’inedito sguardo sul mondo del melodramma dell’irriverente coppia formata da David Riondino e Dario Vergassola, che nel primo evento speciale dell’estate propone alla sua maniera una crasi musical-letteraria tra la Traviata e La signora delle camelie, il romanzo di Dumas che ispirò a Verdi il suo capolavoro. Per rimanere all’Opera, è prevista una rilettura pianistica (a sei mani) di alcuni fra i più noti brani del repertorio lirico da parte del trio Pianiste all’Opera e una versione pocket di Maria Rita Chiarelli della celeberrima Tosca. All’interno del Cartellone sono stati recuperati pezzi di programmazione dello scorso anno, saltati con la chiusura dei luoghi di spettacolo, quando l’A.G.ì.MUS. si proponeva di ricordare Beethoven a 250 anni dalla nascita e i centenari di Fellini e Sordi. Ricorrenze sulla quali ritorna nel 2021 con una produzione di Roma Tre Orchestra (in programma la Sinfonia n. 7 e il Concerto n. 4 per pianoforte e orchestra) e la proposta del Quintetto d’archi FOI con una carrellata di musiche da film di grande fascino. L’attenzione alla varietà degli stili e dei linguaggi rimane la stessa, anche con proposte trasversali come quella del violinista salentino Alessandro Quarta e l’omaggio a Domenico Modugno dell’Ensemble Suoni del Sud con il cantattore foggiano Cristian Levantaci.

Scarica il programma 2021 (E)venti

A.G.ì.MUS. Mola di Bari

Chiostro Santa ChiaraCastello Angioino
30 Giugno – 26 Settembre